mercoledì 3 maggio 2017

Ventennale della scomparsa di Pier Paolo D’Attorre: il 5 maggio conversazione con Walter Veltroni, in novembre una mostra e tante altre iniziative

In occasione del ventesimo anniversario della morte di Pier Paolo D’Attorre (27 aprile 1997), sindaco di Ravenna dal 1993 al 1997, sono in programma numerose iniziative, promosse dal Comune in collaborazione con la famiglia D’Attorre, la Fondazione Casa di Oriani, l’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea, l’Istituzione Biblioteca Classense, la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e l’Università di Bologna.
Venerdì 5 maggio alle 18 alla sala Corelli del teatro Alighieri si svolgerà una conversazione con l’onorevole Walter Veltroni, che aprì nel 1993, in qualità di direttore dell’Unità, la campagna elettorale di D’Attorre per la sua corsa a sindaco. Con Veltroni dialogherà il sindaco Michele de Pascale, dopo i saluti della famiglia D’Attorre.
“D’Attorre, che pure non ho conosciuto personalmente – dichiara il sindaco Michele de Pascale – ha rappresentato un punto di riferimento imprescindibile per tutti coloro che hanno amministrato Ravenna dopo di lui. Dobbiamo ricordarlo, preoccupandoci soprattutto di non “piegare” la memoria di quanto accaduto vent’anni fa all’oggi. A noi spetta il compito di valorizzare e coltivare quei sogni e progetti allora tracciati con grande intelligenza e lungimiranza, che rappresentano ancora oggi interessanti sfide per il futuro”.
Per valorizzare il profilo di D’Attorre sia come politico che come studioso, docente universitario e presidente della Fondazione Gramsci Emilia Romagna sono in calendario per le prime settimane di novembre numerosi appuntamenti, a partire da una mostra fotografica – documentaria incentrata sul contesto storico all’interno del quale si svolse la campagna elettorale del 1993, evidenziandone i caratteri di assoluta novità e l’importanza ai fini della futura organizzazione della vita pubblica locale; inoltre la mostra darà conto delle peculiarità dell’azione amministrativa della giunta D’Attorre.
Seguiranno la pubblicazione di un’antologia di discorsi sulla sua idea di città e la presentazione pubblica, a lui dedicata, della rivista di storia contemporanea della Fondazione Casa di Oriani “Memoria e Ricerca”. Infine, una conversazione con Massimo Cacciari e la consegna del premio di studio biennale per tesi di dottorato intitolato a D’Attorre. Il bando è stato pubblicato il 20 marzo scorso, con scadenza 20 luglio (per tutte le informazioni http://www.iger.org/premio-di-studio-pier-paolo-dattorre). Nell’occasione Mario Del Pero, professore a Sciences Po a Parigi, ha tenuto a Bologna presso la Fondazione Gramsci una lezione magistrale sulla storia degli Stati Uniti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

TAGS