domenica 9 aprile 2017

OMC 2017: il sindaco de Pascale incontra Descalzi, amministratore delegato di Eni. Nell’offshore partenza degli investimenti ad agosto. 10 e 11 aprile Eni a Ravenna per presentare le attività upstream e nella chimica

È appena trascorsa l’edizione 2017 dell’Offshore Mediterranean Conference (OMC). Ravenna con il suo porto industriale, le attività collegate all’offshore, il distretto energetico – diventato uno dei riferimenti in Italia e in Europa per l’industria energetica – è oggi la capitale italiana e una delle più importanti capitali europee, per quello che riguarda le attività marittime.
La nostra è una città  in cui la solida cultura industriale, l’ambiente e la valorizzazione culturale non sono mai stati elementi contrapposti, ma sono diventati un mix di risorse in grado di attirare cervelli, energie, capacità, capitali e investimenti.
L’amministrazione comunale, regionale, il Governo, hanno avuto sempre un atteggiamento proattivo rispetto agli investimenti industriali sul nostro territorio. Dobbiamo essere consapevoli che per ripartire e rilanciare la nostra economia, coniugando sviluppo, benessere e tutela ambientale, dobbiamo avere la capacità di recuperare un atteggiamento positivista e di entusiasmo rispetto ai progressi della scienza e della tecnologia, per gettare avanti frontiere sempre più avanzate. Solo dal progresso della tecnica, della scienza e dall’impegno in ricerca può avvenire il rilancio.
Ravenna vuole essere un territorio fertile per gli investimenti di chi crede nel futuro, nella ricerca e nella tecnologia, qui abbiamo cultura industriale, istituzioni positive e know how, ecco questo è il luogo in cui investire.
Dopo il taglio del nastro e la cerimonia inaugurale, ho incontrato l’amministratore delegato Eni, Claudio Descalzi per un confronto sugli investimenti nel nostro territorio.
Durante l’incontro l’amministratore delegato Eni ha confermato l’investimento di 600 milioni nel settore offshore, già annunciato nel corso della sua visita ad ottobre ed ora ufficialmente inserito nel piano, specificando che le attività partiranno già ad agosto; ha assicurato inoltre l’impegno di Eni nel campo della chimica, sottolineando la volontà di un consolidamento di Versalis all’interno dell’azienda.
L’amministratore delegato Eni ha riconosciuto alla nostra città un ruolo di primo piano all’interno delle politiche industriali sia per l’offshore che per la chimica, sottolineando inoltre che Ravenna è il luogo in Italia in cui Eni oggi investe con grande soddisfazione, perché qui trova un contesto di imprese di grande qualità, un altissimo know how e un’amministrazione impegnata con forza nello sviluppo del territorio.
Per concludere, Descalzi, rispondendo ad una nostra specifica richiesta, ha confermato che il 10 e l’11 aprile Eni sarà a Ravenna con i suoi massimi dirigenti per presentare pubblicamente, nella prima giornata, le attività upstream e, nella seconda per fare il punto sulla chimica.

Il mio discorso di apertura dell’OMC2017

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

TAGS